Yoga e Religione, i mantra più potenti.

YOGA E RELIGIONE SEMBRANO ESSERE DELIMITATI DA UN SOTTILE CONFINE SPIRITUALE.

Proprio quando si inizia la pratica yoga nelle prime lezioni ci troviamo di fronte questo pensiero che lo yoga sia una religione. Io stessa mi sono trovata a chiedermi se la recitazione dei mantra era una forma di preghiera. Oggi dopo tanto tempo da quel giorno mi rendo conto che non saprei darti una definizione precisa alla parola mantra, ma puoi andarla a cercare magari su Wikipedia .

Ogni definizione precisa la trovate su internet è per questo che io invece voglio raccontarvi la mia esperienza sull’argomento, mentre il dettaglio e il significato secondo l’ ideologia umana della parola=significato quello lo trovate ovunque.

Chi pratica con me nelle mie lezioni sa bene che è mia abitudine iniziare con il mantra OM e finire con una meditazione e recitare il mantra ” lokah samastah sukhino bhavantu”. Sono per me dei RITI che completano la pratica dello yoga sotto l’aspetto spirituale. Recitare questi mantra crea un’apertura a livello superiore in modo che il tuo spirito sia presente durante la tua pratica io dico sempre:

” Il mantra OM è il richiamo dello spirito senza questo non è la stessa cosa”

Anna Zullo

Perché l’anima è sempre con te lei è la protagonista della tua esperienza sulla terra mentre lo spirito è qualcosa di più difficile da contattare; I mantra diventano durante la pratica il collante per richiamare con te tutta la tua energia cosmica che viene chiamata Spirito ( la mia suora, Suor LiLiana diceva di scriverlo sempre con la lettera maiuscola, ho fatto l’asilo dalle suore…)

Se ti sei perso l’articolo di ieri vai a leggerlo parla proprio dello spirito e dell’anima,

lo trovi qui .

Nel mio percorso da insegnante mi sono spesso ritrovata ad affrontare persone molto religiose che sostenevano di aver paura ad avvicinarsi allo yoga, addirittura mi ricordo che sono stata ad una asilo a fare yoga bambini e una mamma ha vietato di far afre yoga alla figlia inviandomi tramite la maestra un libretto delle istruzioni, direi esoterico, dove erano individuati tutti i perché un cristiano doveva allontanarsi da questa pratica “del diavolo” . Potete immaginare la bambina che non andava a scuola quando c’era yoga oppure stava da sola in classe con la maestra.

Dunque vi faccio una domanda ma se cantando i mantra colleghiamo il corpo l’anima e lo spirito e con il movimento aiutiamo il corpo a stare meglio è secondo voi una pratica da evitare per qualsiasi religioso ?

Riflettete da soli oppure commentate il post sarebbe bello leggervi.

In uno dei miei vari seminari di crescita spirituale ad Ananda sono rimasta ancora più convinta di come lo yoga e la religione possano convivere e andare a braccetto al “Tempio di Luce” ci sono le foto di tutti i guru : Yogananda, Swami Sri Yukteswar anche Gesù Cristo‘.

Se vuoi vedere le foto del centro di Ananda puoi andare a vederle qui

Dunque?

Ti lascio con la lettura dell’ articolo di Suor Tresa che ha iniziato yoga per il mal di schiena e è diventata una suora insegnante di yoga mentre recita al posto dei mantra il “Padre Nostro” , bellissimo.

Lo trovi qui

Mentre ti lascio qui il mio regalo di oggi, si perchè se sei nuovo questi articoli sono parte del mio calendario dell’avvento un regalo al giorno dal 1 al 24 dicembre fino a Natale e non poteva mancare il video di SISTER ACT:

il mio calendario dell’avvento siamo al giorno 4.

Ti Ringrazio per essere arrivato fino a qui ti aspetto sulla mia pagina facebook o sul mio canale youtube e instagram.

Namastè

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *